Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Storia del Laboratorio "Giocare con l'Arte"

servizi-museo/giocare-con-arte-munari.jpgIl laboratorio per bambini all'interno del Museo partì da un'idea del Direttore Gian Carlo Bojani, il quale, dopo aver esaminato diverse possibilità decise, memore dell’esperienza alla Pinacoteca di Brera della primavera ’77, di affidarsi a Bruno Munari: nacque cosi il "laboratorio per bambini a Faenza, giocare con l'arte - ceramica". La fase progettuale, avviata nel 1978, coinvolse il gruppo milanese "giocare con l'arte", coordinato da Munari, e alcuni insegnanti e studenti dell'Istituto Statale d'Arte per la Ceramica "Ballardini" di Faenza: questo articolato team seguì le attività di sperimentazione attiva con le scolaresche, dall'inaugurazione nel novembre 1979, fino a giugno del 1980.
Quando Munari veniva al Museo delle Ceramiche passava una gran parte della sua giornata nel "suo" laboratorio insieme ai bambini e agli assistenti. Era anche un momento per uno scambio d'idee e di opinioni.

Nel biennio 1980-82 Cinzia Lega ed Elisabetta Lanzoni, avendo già partecipato come studentesse l'anno precedente, animarono il laboratorio operando con le scuole e avviando una serie di attività poi consolidatesi, come i corsi di aggiornamento per insegnanti, consulenze e progetti per nuovi laboratori, partecipazione a mostre e convegni, produzione di materiali didattici.

Nel quindicennio 1982-1997 coordina il laboratorio Ivana Anconelli, che introduce in modo sistematico e molto caratterizzato, aspetti pedagogici e didattici specifici, superando gli elementi più sperimentali dei primi anni. Cominciano a pubblicarsi i "quaderni" del laboratorio didattico, che documentano le principali attività svolte dal Museo in ambito educativo, e sono utilizzati dagli insegnanti come strumenti di lavoro.
Durante questi anni, a cura di Bojani, si avvia un'attività poi rivelatasi per molti aspetti vitale e fondamentale per il laboratorio: il coinvolgimento di artisti e maestri ceramisti che presentano ai bambini il proprio lavoro artistico e a partire da questo propongono loro giochi ed esperimenti coerenti con la metodologia del laboratorio, arricchendola di stimoli creativi e portando nuove tecniche e applicazioni.

Dal 1997 il laboratorio è condotto da Dario Valli e Maria Grazia Gordini (con il coordinamento di Marielle Muheim tra il 2001 e il 2006), che operano con l'intento di rimanere sempre saldamente nel solco tracciato sin qui da Munari e dai suoi collaboratori, proseguendo la sperimentazione sui materiali ceramici; sperimentazione che nella realtà quotidiana è affidata ai bambini e agli artisti che praticano il laboratorio... Dall’anno scolastico 2010/2011 subentra a Gordini la ceramista Lorena Cabal Lopez, dopo anni di collaborazione esterna dedicata soprattutto ai progetti speciali, come le attività estive, le domeniche per famiglie al museo, le collaborazioni per eventi pubblici con il Comune di Faenza e altri enti del territorio.