Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Achille Calzi, tra Simbolismo e Liberty

Visualizza pubblicazione:
Achille Calzi, tra Simbolismo e Liberty

Monografia bilingue italiano/inglese

A cura di Ilaria Piazza

Testi di Claudia Casali,Ilaria Piazza, Sauro Casadei, Claudio casadio, Andrea Casadio

 

La monografia è la conclusione un lungo lavoro di ricerca che è stato avviato dal fondo donato dagli eredi dell’artista nel 2013 al MIC di Faenza  allargandolo poi a numerose raccolte pubbliche e private.

La pubblicazione è catalogo e monografia alla stesso tempo, ragionata e selezionata dell’opera di Achille Calzi.  Per la prima volta in un unico volume siono state raccolte circa 500 opere dell'artista faentino, divise per genere (dipinti, disegni, grafica, progetti, ceramica, caricature).

 

Achille Calzi (1873 -1919), personalità poliedrica e ricettiva, artista a tutto tondo, portavoce delle nuove istanze della modernità, fu figura importantissima non solo per la vita culturale di Faenza e della corrente Liberty italiana, ma artista attivo nella produzione e innovazione della ceramica applicata all’architettura e all’industria ceramica in Italia.

Discendente da generazioni di artisti e maiolicari, fu pittore, disegnatore, direttore della Pinacoteca, del Museo Civico e della Scuola di Disegno e Plastica di Faenza, storico dell’arte e docente, collaborò con la manifattura faentina Fratelli Minardi nel 1903 e fu direttore per le fabbriche Riunite Ceramiche (1905-09) dove progettò, oltre a ceramiche d’uso, anche ceramiche per l’architettura, camini da salotto, piastrelle per esterni divenuti simbolo di un cambiamento linguistico e artigianale.

 

Gli Ori, 2017, pp 384

Buy this pubblication printed (Prezzo 35.00 € tax free)