Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

LIAISON D'AMOUR
Liaison d'amour

Porcellana e musica da quattro secoli  in mostra al museo della porcellana tedesco Porzellanikon in Hohenberg a.d. Eger, fino al 27 ottobre 2013.



Il tema della musica ha attirato più volte, nel corso dei secoli, numerosi artisti sotto il suo incantesimo.
Uno dei motivi è l'essenza della musica, che è sempre un momento: un attimo dopo l'ascolto la magia è svanita. L'esperienza musicale è sempre unica.
Catturare questo momento è una delle sfide degli artisti; quell'attimo è anche l'espressione della lotta dell'uomo contro la caducità e la futilità della vita terrena. La mostra "Liaison d'amour- Porcellana e musica da quattro secoli" ha cercato di rilevare i molti aspetti dell'impegno artistico con musica di incontro e mostra la musica in Cina in tutte le sue sfaccettature.
Agli esordi della fabbricazione della porcellana europea i manufatti sono tutti di influenze asiatiche. Questa cultura straniera affascinato la società cortigiana e portava a fuggire al tempo stesso dalla capacità mentale dalla propria limitatezza. Da questo periodo nascono una serie di figure musicanti dai caratteri cinesi e giapponesi, proprio come la cosiddetta "Türkenkapellen". Ma non solo la distanza sembrava una perfetta fantasia di fuga, ma anche una variante all'offerta: le pastorali del rococò erano spazi mentali con molti accenni alla pittura erotica e seducente.
Il grande potenziale seduttivo della musica aveva già trovato come suo strumento il greco dio Pan nella sua conquista degli animali, cercando di sfruttare il canto ammaliatore della Lorelei ha avuto così tanti naufraghi. Ma non solo il mondo umano e divino hanno ceduto al potenziale seduzione della musica, la fauna selvatica è stata rapito dal suono eclettico; quello che il pifferaio di Hamelin è un esempio ben noto. A volte si è imposto sulla questione se la musica non può anche servire come un mezzo di comunicazione tra esseri umani e animali.
Un personaggio famoso padre della Animal Whisperer è notoriamente il dio, dalla mitologia greca, come il musicista Orfeo. La sua musica non era ammaliatrice solo gli uomini e gli dei ma ai suoi piedi correvano gli animali, gli alberi e si dice che la sua musica ammorbidsse le rocce.
A volte la scultura in porcellana musicale offre delle delle immagini divertenti  - vale a dire, quando scimmie, insetti e rane sono ritratti nell'impegnarsi vigorosamente nelle chiavi o stringhe.
Entro e non oltre il XIX secolo vi è stato il culto delle 'stelle' dei musicisti e compositori. Pertanto, nella mostra sono indicati non solo i famosi compositori come Mozart e Wagner, ma anche gli eroi delle generazioni successive, Elvis e dei Beatles.
Una particolarità della mostra è quella di fornire una grande varietà di strumenti musicali rappresentati in porcellana: essi non testimoniano solo il fascino intatto della porcellana su artisti e musicisti, ma anche della prosecuzione di una stretta relazione tra musica e arte.

 

Sede: Porzellanikon Hohenberg - German PorcelainMuseum - Schirndinger Straße 48 - 95691 Hohenberg. Tel. +49 92 33. 77 22-11
Periodo: Fino al 27 ottobre 2013
Orario: dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 17 e su appuntamento