Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

DI PADRE IN FIGLIO - LE CERAMICHE PASTORINO
DI PADRE IN FIGLIO - LE CERAMICHE PASTORINO

ALBISSOLA MARINA. Presso al Fornace Alba Docilia si è inaugurata la mostra dedicata all'attività di una famiglia che ha lavorato nel mondo della ceramica per oltre trent'anni, dal 1944 al 1998.



Papà Mario, conosciuto come Gianni (o Giannino), nasce nel 1929 (e muore nel 2010). A 15 anni è già apprendista in una ditta che produce tazzine. Diventa un esperto torniante e conosce Eliseo Salino, direttore tecnico della fabbrica. Con lui e con un altro amico, Giovanni Poggi, nel 1958 fonda le Ceramiche San Giorgio: un anno dopo parteciperà alla realizzazione del grande pannello in ceramica destinato ad Arhus, in Danimarca, e sarà tra i protagonisti dell’epico viaggio per portarlo a destinazione. Si mette in proprio nel 1963, per fondare le ‘Ceramiche Pastorino’: la molla è una grande commessa da parte della Lavazza che promuove un prodotto che furoreggia nei Caroselli. Sposa la pittrice Mirella Fiore, che darà vita, assieme a lui, anche ad un fortunato sodalizio artistico.

Lei, avendo lavorato, giovanissima, in alcune delle più importanti fabbriche di ceramica albisolesi, aveva avuto come maestri alcuni tra i più bei nomi dell’arte figurativa: porta nell’azienda familiare i frutti di quelle esperienze, contribuendo in maniera rilevante alle fortune dell’azienda, che aveva sede ad Albisola Capo, in corso Mazzini prima e in corso Ferrari poi. L’ultimo exploit di Mirella nella fabbrica di famiglia è del 1998: il vaso per il Confuoco. A fine ‘98 Mirella e Mario decidono a malincuore di chiudere la fabbrica ma continuano a produrre ceramica.

A raccogliere il testimone da papà e mamma è il figlio Paolo, imprenditore informatico di professione. Con madre pittrice, papà ceramista e una zia insegnante di arte figurativa all’Accademia di Torino, non poteva non occuparsi anche lui di ceramica. Fin da piccolo ha l’opportunità di imparare, in fabbrica, dai familiari e dagli artisti che la frequentano. Non se la lascia scappare e va oltre: si mette alla prova, partecipa a corsi di perfezionamento e punta sulla sperimentazione, superando l’utilizzo di argilla e pennelli con la penna ad aerografo con cui sviluppa forme artistiche iper-realistiche.

Partendo dalla ceramica, computer e fotografia digitale diventano ulteriori mezzi di espressione e comunicazione e portano Paolo Pastorino “alla continua ricerca di nuove tecniche stilistiche e contaminazioni innovative: dal design alla pittura, alla foto per arrivare alla scultura ceramica, fino alle avanguardie della tecnologia di stampa ad estrusione 3D di argilla, lasciando aperte le porte per nuovi panorami artistici”.

Questa mostra, a cura di Enrica Noceto, che sarà seguita, tra febbraio e marzo, da una celebrazione per i cent’anni della Fornace Alba Docilia, inaugura la quarta stagione di attività dell’Associazione La Fornace, che opera nella struttura su mandato dell’amministrazione comunale di Albissola Marina.

 

Sede: Antica Fornace Alba Docilia, via Stefano Grosso 24, Albissola Marina SV
Periodo: 18 gennaio - 17 febbraio 2019