Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

L’ITALIA DEL RINASCIMENTO. LO SPLENDORE DELLA MAIOLICA
L’ITALIA DEL RINASCIMENTO. LO SPLENDORE DELLA MAIOLICA

TORINO. La Sala del Senato di Palazzo Madama ospita, dal 13 giugno al 14 ottobre 2019, un insieme eccezionale di maioliche rinascimentali prodotte dalle più prestigiose manifatture italiane. La mostra riunisce per la prima volta oltre 200 capolavori provenienti da importanti collezioni private e dalle raccolte di Palazzo Madama.



Oltre 200 capolavori, alcuni dei quali esposti per la prima volta in Italia, illustrano la maiolica rinascimentale italiana, la forma d'arte che nel modo più completo e con i colori più vivi riflette il gusto e lo stile di vita delle donne e degli uomini del Rinascimento.

 

La storia affascinante ed unica della maiolica italiana nella sua età dell’oro, dalla seconda metà del 1400 alla metà del 1500, è raccontata da un curatore di eccezione, lo storico dell'arte Timothy Wilson, in collaborazione con Cristina Maritano, conservatore di Palazzo Madama.



La mostra ripercorre lo sviluppo della maiolica praticata in numerosi centri della Toscana, dell’Emilia, delle Marche e dell’Umbria, dove abili ceramisti seppero rinnovare la ceramica islamica contaminandola con motivi ispirati al repertorio gotico e rinascimentale e con quelli derivanti dalle porcellane cinesi.
Le superfici di piatti, versatoi, coppe, rinfrescatoi e vasi accolsero temi religiosi, miti antichi, romanzi cavallereschi, storie sacre e profane che arricchirono gli ambienti privati e pubblici delle dimore signorili: questa novità, sviluppatasi in Italia tra Quattro e Cinquecento, diede lustro e fama a città quali Gubbio, Deruta, Faenza, Casteldurante, Urbino, le cui ceramiche furono richieste ed esportate in tutta Europa.
Nell’arredamento della casa italiana, in particolare nelle residenze di campagna, le maioliche istoriate erano esposte sulle credenze ma anche usate sulle tavole ed erano offerte come doni diplomatici o in occasioni quali matrimoni e nascite; piccole sculture talvolta mascheravano la funzione di calamai o fontane; particolarmente fiorente divenne l’uso della maiolica nei corredi da farmacia, commissionati in genere da istituzioni religiose.

 

Rispetto alla pittura tradizionale, la maiolica rinascimentale mostra una maggiore libertà, nella scelta dei soggetti e nella decorazione: molte delle storie dipinte derivano in ogni caso dai repertori di incisioni che circolavano nelle botteghe e che erano il tramite per riprodurre su scala ridotta e per una visione domestica le più celebri invenzioni dei grandi pittori dell’epoca.
La decorazione della maiolica ai livelli più alti richiede la mano delicata di un miniaturista e quella sicura di un affrescatore, poiché il minimo errore sullo smalto assorbente, così come sull’intonaco del pittore di affreschi, può compromettere in modo irreparabile il risultato finale.

 

In mostra alcune opere dei principali pittori su maiolica conosciuti come Nicola da Urbino e Francesco Xanto Avelli e alcuni capolavori come una coppia di albarelli di Domenigo da Venezia, un grande rinfrescatoio di Urbino e la brocca in porcellana medicea di Palazzo Madama, eccezionale esemplare della prima imitazione europea della porcellana cinese, realizzato da maiolicari di Urbino che lavoravano a Firenze alla corte di Francesco I de’ Medici.

 

Sede: Palazzo Madama, Torino - Tel. +39 011 443 3501
Periodo: 13 giugno - 14 ottobre 2019