Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

CARTA DA GIOCO

Officina Matteucci (corso Mazzini)

17 febbraio - 15 aprile

Officina Matteucci di Faenza (corso Mazzini) ospita nei propri spazi due nuovi artisti, Samuel Tombola e No one Strangely con al mostra Carta da gioco.

Lodare e predicare la luce non serve a nulla, se non c’è nessuno che possa vederla. Sarebbe invece necessario insegnare all’uomo l’arte di vedere”: parole di Carl Gustav Jung contenute nel suo Liber Novus, il Libro Rosso, che può essere considerato come la più ambiziosa ricerca sull’immaginazione attiva quale strumento di analisi dell’inconscio. Non è un mistero che i processi artistici abbiano correlazioni profonde con quelli psichici, tanto che la rappresentazione estetica si può leggere nell’ottica psicanalitica e tutta novecentesca di sublimazione dell’esperienza mentale, o in quella di intima ispirazione dettata dal sentimento, di matrice romantica. Si tratta di riflessioni su cui, nel secolo scorso, hanno sviluppato la propria ricerca Dada e Surrealisti, e che non cessano di affascinare gli artisti contemporanei.

Da tali tematiche parte la mostra Carta da gioco, per andare alla scoperta dell’inconscio attraverso segni grafici che, tra il giocoso e il perturbante, indagano la psiche umana e il suo rapporto con l’ambiente circostante. Ad accomunare i due artisti ospiti l’identico sostegno materiale, la carta, e la convinzione (sviluppata in modi antitetici) che la trasposizione simbolica e quindi artistica dell’esperienza passi attraverso il Gioco, inteso con Benjamin in senso di Libertà.
 
Samuel Tombola (Samuel Trenquier, Libreville, 1983) vive e lavora tra Parigi e Bruxelles. Ha all’attivo decine di esposizioni collettive in tutto il mondo, a partire dal 2010, oltre ad una partecipazione nel padiglione del Costa Rica in occasione della 55^ Biennale di Venezia (2013). Il suo immaginario è animato dalle figure dell’infanzia e dai fantasmi del pop odierno. Nel suo lavoro astratto e figurativo si intersecano dentro ad un universo di colori accesi, che portano lo spettatore ad estraniarsi dalla quotidianità per entrare in una dimensione fugace, nella quale l’occhio si dibatte tra il divertito e l’inquieto.

Gli fa da contraltare No One Strangely (Rita Cedarmas, San Pietro al Natisone, 1995): dopo esperienze in Friuli e Piemonte, attualmente si trova a Bologna, dove studia Fumetto e Illustrazione all’Accademia di Belle Arti. Il disegno è la sua forma d’espressione preferita, declinato con versatilità di mezzi e d’ispirazione. L’artista gioca sulla deformazione, creando corpi femminili in metamorfosi, proiezioni allucinate dell’interiorità che si stagliano su sfondi indefiniti, con un tonalismo intenso e un’emotività autoironica e al contempo angosciata.

La mostra apre su appuntamento: Davide, 360 22 65 03 /officinamatteucci.info@gmail.com