Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

CERAMICHE DA BUTTARE: LE SPERIMENTAZIONI ANNI '90 DI GIANFRANCO MORINI

Le sperimentazioni di Gianfranco Morini degli anni '90 in mostra alla Bottega Bertaccini di Faenza

10 luglio - 2 settembre 2012

Le sperimentazioni di Gianfranco Morini degli anni '90 in mostra alla Bottega Bertaccini di Faenza fino al 2 settembre

La mostra che si apre martedì 10 luglio, alle 21, raccoglie una copiosa produzione di oggetti di piccole dimensioni realizzati negli anni '90. Opere che partono dal riuso di prodotti in serie della ceramica, portando a nuova vita e nuovo uso oggetti che sarebbero finiti in discarica.

Il titolo Ceramica da buttare è ironico e dissacratorio, come accade sempre nelle sue mostre. Morini nega l'utilizzo consueto della ceramica di origine per arrivare a proporre oggetti con altre funzioni d'uso quotidiano. Si tratta di piccoli assemblati in cui è racchiusa tutta la sua poetica e la sua capacità di innovazione. Con tutto il piacere di esagerare. Morini a ruota libera impila tazzine, piatti, piattini, crea portacenere da passeggio, portamatite, “uccide” bianchi di Faenza fino a farli sembrare uova fritte. Associa le forme seguendo le regole estetiche della serialità insegnategli dal maestro Augusto Betti e allo stesso tempo di norma trasgredisce il senso comune.

E allora i portacenere si riempiono di smalto o di piccoli frammenti di altra ceramica, le tazze diventano portacenere, le piastrelle si trasformano in contenitori, frasi nonsense e provocatorie corrono sulle superfici. Sotto una confusione solo apparente Morini rivela una grande padronanza della tecnica ceramica e degli smalti. Gli oggetti in mostra sono il frutto di una serie di ricerche personali, dove l'artista è riuscito a far coesistere materiali di diversa natura. Ed è così che terracotta, porcellana e vetro si fondono agli smalti grazie a cotture diverse. Ed è così che Morini si diverte a giocare sull'identità dei materiali fino a che il vetro non sembri smalto e lo smalto ceramica.

Gianfranco Morini è nato a Faenza nel 1955. Ha compiuto i suoi studi presso l’Istituto per la Ceramica “Ballardini” di Faenza e l’Accademia di Belle Arti di Bologna. Allievo di Augusto Betti e Alfonso Leoni, collabora giovanissimo con maestri come Carlo Zauli e Panos Tsolakos. Dagli anni ’70 inizia la sua attività nell’industria ceramica lavorando come ricercatore in aziende di rilevanza internazionale.

Inaugurazione martedì 10 luglio, alle 21

Bottega Bertaccini
Corso Garibaldi 4 - Faenza
aperta dal lun-sab ore 9-12.30/15.30-19; lunedi mattina chiuso
Ingresso libero