Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

PRESENTAZIONE DEL VOLUME: CERAMICHE DELLA TRADIZIONE LIGURE

NOVITA' BIBLIOGRAFICHE AL MUSEO

Giovedì 10 maggio 2012, ore 18:00

 

Giovedì 10 maggio ore 18

Sala Conferenze del Museo Internazionale delle Ceramiche
(viale Baccarini 19)

Cecilia Chilosi presenta il Thesaurus della ceramica ligure

Ceramiche della tradizione ligure

2011

Silvana editoriale

Introduzione di Carmen Ravanelli Guidotti

La pubblicazione del volume: Ceramiche della tradizione ligure. Thesaurus di opere dal Medio Evo al Primo Novecento  rappresenta la tappa conclusiva di un lungo e articolato progetto volto a  promuovere la ceramica come eccellenza della cultura e dell'arte liguri.

Il progetto si è reso possibile grazie alla  collaborazione tra  Regione Liguria e   Provincia di Savona,  in collaborazione con  diversi Enti e Istituzioni  territoriali: Comuni di Genova, Savona,  Vado Ligure, Albisola Superiore  e   Albissola Marina, con il supporto della Fondazione Agostino Maria De Mari - Cassa di Risparmio di Savona.

Il volume,  curato da Cecilia Chilosi con l'apporto dei più affermati studiosi della materia, è un vero e proprio repertorio a stampa, frutto di un lavoro appassionato e rigoroso di ricerca che aggiunge all'aggiornamento degli studi, l'identificazione dei prototipi e la classificazione dei decori, con una attenta ricognizione delle maioliche liguri ospitate nei maggiori musei e raccolte, pubbliche e private, italiani ed europei.

Il volume si propone di documentare, attraverso trecentoquarantasette esemplari di eccellenza, la qualità e varietà di quella produzione che ha rivestito e tuttora riveste un ruolo fondamentale nel connotare l’arte, la storia e la cultura del territorio ligure.

La scelta delle opere, corredate da approfondite schede scientifiche e da testi  è il frutto di una vasta rete di relazioni e scambi di conoscenze intessuti a livello internazionale. Tra i musei interessati nella ricerca ricordiamo, oltre a quelli liguri,   Palazzo Madama di Torino, le Raccolte di Arte Applicata di Milano, il Victoria & Albert di Londra, il Musée des Artes Décoratifs di Parigi, l’Ariana di Ginevra, il Musée National de Céramique di Sèvres, l’Adrian Dubouché di Limoges, il Museu de Céramica di Barcellona, solo per citarne alcuni.

Nella classificazione dei materiali, ordinati con taglio sistematico e filologico, si sono adottati criteri cronologici e tipologici. L'indagine ha  interessato un vasto arco plurisecolare, dall’epoca medievale e  dall'interessante stagione cinquecentesca, alla  più nota tradizione barocca, agli sviluppi del decoro settecentesco e all’evoluzione tecnologica dell’Ottocento, per concludersi con gli anni Trenta del Novecento, quando col passaggio dalla tradizione all’innovazione, si gettavano le basi della modernità.

Il ricco apparato costituito da tavole morfologiche e delle marche, dal repertorio dei musei coinvolti e dal glossario completa questa guida che introduce e accompagna nell’affascinante mondo della ceramica.

Nel complesso emerge un vero e proprio tesoro, in grado di restituire alla storia della produzione ligure, generalmente conosciuta solo per alcuni aspetti della sua vicenda secolare, quel ruolo di eccellenza che spetta di diritto alla ricchezza polifonica delle sue innumerevoli declinazioni.

Ne consegue una completa ricostruzione di quello straordinario patrimonio di forme e decori che costituisce un aspetto identitario della storia e dell'arte del popolo ligure e che trova ancora oggi espressione nelle molte manifatture attive sul territorio che assieme ai complementi inseriti nell'arredo urbano e nell'architettura testimoniano il segno di una presenza ancora capace di potenzialità culturali, produttive e turistiche.

Per informazioni
tel. 0546.697311