Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

MICHELE GUIDO - OPERADELOCALIZZATA GARDEN PROJECT

30 agosto 2014 - 2 febbraio 2015

Riprende, con la mostra michele guido _operadelocalizzata garden project _2014 dell’artista pugliese Michele Guido, la stagione 2014 del progetto operadelocalizzata curato da Nero/Alessandro Neretti.

 

La serie di opere inedite presentate dall’artista e realizzate site-specific per gli spazi faentini sono la perfetta espressione della sua ricerca, incentrata da sempre, su una bilanciata commistione tra natura, pensiero e architettura, in una sintesi non banale che tiene sempre presente l’aspetto storico degli elementi trattati. Nelle mostra si scorgono chiari riferimenti all’opera Maiolica del 1953 (Carlo Zauli) e ad un mausoleo descritto da Francesco Colonna nel suo Hypnerotomachia Poliphili.

 

Assieme alla mostra personale, anche in questo quarto appuntamento di operadelocalizzata, continua l’approfondimento del territorio romagnolo con una novità, la collaborazione con Alessandro Miroballo, cuciniere errante con base a Faenza che allieterà con i suoi piatti Michele Guido.

 

L’opera sarà visibile da sabato 30 agosto 2014 dalle 11.00.
Inaugurazioni:
Museo Carlo Zauli, via della Croce 6 - Faenza RA -  sabato 30 agosto 2014 alle 17.30
Leone Conti, Via Pozzo, 1 - Santa Lucia delle Spianate RA - sabato 30 agosto 2014 alle 19.00

La mostra rientra nelle iniziative della Settimana del Contemporaneo a Faenza.

 

Michele Guido, Aradeo (LE), 1976 - Nel 1999 frequenta il Centro T.A.M. diretto da E. Mattiacci. Terminati gli studi all'Accademia di Brera nel 2002, frequenta il master in Landscape Design; dal 2001 al 2006 tiene uno degli studi presso la Casa degli Artisti di Milano dove organizza con Jole de Sanna e Hidetoshi Nagasawa: "Discussione Aperta: il Concetto di MA". "Negli ultimi tempi il suo percorso di lavoro si è precisato intorno al tema del giardino come momento che coniuga l'elemento naturale con l'impronta mentale. Attraverso diversi mezzi e materiali realizza opere in cui emerge il rapporto fra architettura, storia e immagini della natura" (Laura Cherubini). Partecipa al progetto di residenza “Made in Filandia” nel 2011 e riceve il “Premio Rotary" nel 2010, mentre nell’anno precedente quello della Fondazione Pomodoro per giovani scultori. Tra le ultime mostre personali: "z2o garden project" nel 2009 e "02.02.13 garden project" nel 2013 per la galleria Sara Zanin, Roma. Tra le principali collettive: “Biennale del disegno. Krobilos”, FAR (Rimini 2014) “senza titolo”, galleria Lia Rumma (Napoli 2013); “Botanica”, Fondazione Plart (Napoli 2011); "Segnare/Disegnare", Accademia di San Luca (Roma 2009); "Premio per Giovani Scultori", Fondazione A. Pomodoro (Milano 2008). Vive e lavora a Milano.