Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

INSTALLAZIONE DI GIUSEPPE DUCROT

Esposizione nell'ambito della Settimana del Contemporaneo

10 ottobre 2015 - 10 gennaio 2016

Cuccagna ittica è un grande installazione in ceramica realizzata dal ceramista Giuseppe Ducrot alla Bottega Gatti di Faenza e che rientra all’interno del progetto "L’Albero della cuccagna. Nutrimenti dell’arte", a cura di Achille Bonito Oliva, che ha chiamato a raccolta oltre trenta artisti internazionali per una mostra diffusa su tutto il territorio italiano, con il patrocinio di EXPO 2015 e la collaborazione del Programma sperimentale per la cultura Sensi Contemporanei dell’Agenzia per la Coesione Territoriale e del MiBACT.

 

Mostre/2015/ducrot.jpg

 

Nell’immaginario collettivo l’albero della cuccagna rappresenta il paese dell’abbondanza e il luogo del divertimento. Così Giuseppe Ducrot ha installato al museo faentino una lussuosa tavola in verticale imbandita con grandi piatti di ceramica che mettono in mostra appetitose pietanze a base di pesce.

 

Lusso e abbondanza, argento e oro straripano dai grandi piatti come in un pranzo pantagruèlico, il cui clima festoso è però presto interrotto dall’ordine simmetrico della disposizione degli elementi a ricordare – dice l’autore – l’araldica.
Torna il tema della vanitas. In questo caso la caducità della materia è rappresentata non più dai teschi, ma dalla natura morta dei cibi. Torna anche l’altro tratto distintivo di Ducrot: il dialogo con la storia dell’arte italiana, in questo caso rappresentato dalla simmetria di un ipotetico stemma nobiliare, dando vita ad una riflessione sul senso del limite e dove una sottile inquietudine si insinua.