Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

L'ARTISTA HELIDON GJERGJI OSPITE AL MUSEO

Un appuntamento Ctalks. Aspettando il Festival dell'Arte Contempranea...

Venerdì 29 aprile 2011, ore 19:00

In attesa della quarta edizione del festival, che si svolgerà dal 20 al 22 maggio a Faenza, la città si prepara con due appuntamenti con l'arte, promossi in collaborazione con il MIC, Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza, all'interno della partnership attivata tra il festival e il Museo, per contribuire ai percorsi della città che si apre sempre di più alle iniziative dell'arte contemporanea, nazionale e internazionale, dichiarando una nuova identità culturale in continuo divenire.

L'occasione è la presenza a Faenza di Helidon Gjergji, artista albanese, protagonista della scena dell'arte internazionale e testimone del ruolo che l'arte contemporanea ha avuto nei processi di sviluppo del suo Paese. L'artista sarà a Faenza, ospite dello spazio per residenze del Museo Carlo Zauli, per conoscere la città, sempre più riconosciuta a livello internazionale come territorio aperto al confronto con gli artisti, le sue istituzioni culturali, i suoi giovani.

Venerdì 29 aprile, alle ore 19, il MIC ospita, come anticipazione di Forms of collecting/ Forme della committenza, una conversazione con l'artista, testimone dell'importanza del ruolo attivo dell'arte contemporanea nello spazio pubblico. Il curatore Massimo Marchetti intervista infatti Helidon Gjergji, su una forma di committenza inedita: the Facades project. Il progetto è stato ideato nel 2000 dal sindaco di Tirana, Edi Rama, diventando nel 2003 parte integrante della Biennale locale, oltre che un caso emblematico del ruolo dell'arte per lo sviluppo e la qualità della vita di un territorio. Nel 2009, oltre a Gjergji, che ha scelto di lavorare sulla facciata di un complesso di edilizia popolare, il progetto ha coinvolto artisti quali Tomma Abts, Franz Ackermann, Ann Edholm, Per Enoksson, Tala Madani e Adrian Paci, chiamandoli a intervenire con la loro arte sugli edifici cittadini.

Helidon Gjergji sarà, Sabato 30 aprile dalle 10.30 alle 12.30, presso  l'Istituto ISA Ballardini, dove incontrerà i ragazzi di Faenza e ripeterà con loro l'esperienza dell'Installazione Olfattiva che ha realizzato nel 2010 per Manifesta8, riconosciuta a livello internazionale come una delle opere più interessanti dell'ultima edizione della Biennale Itinerante. Questa volta Helidon descriverà, con i ragazzi di Faenza, un'idea dell'Italia attraverso un percorso che, tralasciando le immagini, racconta storie, emozioni, suggestioni con i profumi, e, in occasione delle celebrazioni dei 150 anni dell'Unità del nostro Paese, assume un significato ancora più avvolgente.