Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

TRATT'IN FESTIVAL AL MIC

CORTIGIANI anno terzo: ARCHITETTURE NEI CORTILI

Venerdì 15 luglio 2011, ore 21:00

Tony Maude
chitarra e voce
in
“Where Flowers Might Dwell”

seguirà la conferenza di

Claudio Piersanti
ARCHITETTURE EXTRATERRESTRI

23. Tratti’N Festival
CORTIGIANI anno terzo: ARCHITETTURE NEI CORTILI

Faenza, dal 21 Giugno al 15 Luglio 2011. Incroci di note, parole, architettura e cultura della tavola
Con le musiche di Riccardo Tesi, Tony Maude, Luca Celidoni & Jackie Alexander, Davide Falconi’s Hot Boogie Trio, Contrada Lamierone, Giovanni Nadiani & Martino Chieffo - e le parole di Silverio Novelli, Gian Citton, Riccardo Lera, Ferruccio Filipazzi, e degli architetti di +A!
Ancora una volta il centro storico di Faenza diventa il palcoscenico naturale per un incrocio “virtuoso” di arti e discipline, di un variegato ventaglio musicale - che privilegia la dimensione acustica - con le parole poetiche nelle lingue del mondo.
Un’occasione per degustare prodotti del territorio, ma anche per ascoltare gli architetti faentini che racconteranno le “architetture del buon vivere”: una proposta targata Tratti & Mobydick, da sempre promotori di inusuali quanto affascinanti percorsi culturali.
Nel corso degli otto incontri allestiti tra cortili e chiostri cittadini, si alterneranno musicisti di livello internazionale, letteratura e “parole d’attore”, e offriremo un percorso di immagini e commenti a cura di “+A!”, l’associazione di architetti che negli ultimi tempi sta movimentando il panorama delle idee legate al “dove viviamo, e come”.
Oltre a una serata davvero speciale - quella del 4 luglio, dedicata al 150. dell’Unità d’Italia: un omaggio “alla Garibaldina”, capace di evitare retorica e banalità celebrative - avremo le anteprime di nuove produzioni discografiche: dal recente album di Riccardo Tesi e Banditaliana a quello di Davide Falconi, passando per “La necessaria bellezza” di Nadiani & Chieffo, per finire con il cantautore londinese Tony Maude e il suo “Where Flowers Might Dwell” (produzione anglo-italiana che coinvolge la casa editrice faentina Mobydick).