Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

OPERADELOCALIZZATA: ENRICO VEZZI, "SHARING UTOPIA!"

Progetto espositivo curato da Nero/Alessandro Neretti

30 giugno - 13 ottobre 2012

Inaugura, sabato 30 giugno 2012 alle 11.30, con il toscano Enrico Vezzi e la mostra SHARING UTOPIA! la seconda tappa del progetto operadelocalizzata curato da Nero/Alessandro Neretti.
La mostra/progetto prevede di strutturare, in ognuno dei tre luoghi coinvolti, un percorso a ritroso nella storia dell’Utopia, nelle sue declinazioni letterarie e architettoniche/urbanistiche utilizzando gli spazi in base alle loro funzioni originarie. Tre nuove connotazioni pensate e realizzate ad hoc saranno così a disposizione del pubblico tra incontro, riflessione e partecipazione.

+

L’Osteria della Sghisa dal 2008 adotta l’artista Nero, al terzo anno gli rinnova la fiducia chiedendo di coinvolgere anche altri artisti per le mostre all’interno dell’Osteria. Nero, investito dell’inusuale incarico di “curatore”, decide di portare all’interno del locale e non solo, OPERADELOCALIZZATA, un progetto espositivo che serva da tramite culturale per il territorio faentino, selezionando artisti nazionali ed internazionali che non siano ancora venuti in contatto con Faenza.
operadelocalizzata si pone come nuovo filtro conduttore tra locale e arte, elevando il livello visivo assieme al piacere del gusto, creando collegamenti tra nuovi artisti e il territorio faentino.
L’obiettivo è intraprendere un singolare percorso atto ad innescare curiosità, passione ed attenzione verso il contemporaneo e l’arte che lo compone, complice la capacità degli artisti, il sostegno dei partners, la libera pazzia della Sghisa e la ricerca di Nero.

 

Enrico Vezzi è nato a San Miniato nel 1979, dove risiede. Si è Laureato in Psicologia all’Università degli Studi di Firenze nel 2004. Fin dal suo esordio concepisce l’arte come un mezzo per stimolare nuove riflessioni sul rapporto tra storia collettiva e memoria personale. Le sue opere sono sempre la traccia di un tentativo di relazione tra la memoria storica e i luoghi a questa connessi. Ogni suo progetto è una testimonianza del processo stesso con cui l’opera si manifesta, con cui tenta di stimolare e formare un dialogo. Mostre personali: “Let’s Take a Position!”,  progetto Greendays, a cura di Anna Santomauro e Viviana Checchia, in collaborazione con AAA/Brussels, Radar/Loughborough, Fabrica de Pensule/Cluj-Napoca, Neoncampobase/Bologna (2011); “Prokudin- Gorskij Project”, a cura di Ilaria Mariotti, Centro Espositivo Villa Pacchiani, Pisa (2011); “Il Principio di Realtà”, a cura di Angel Moya Garcia, Reload, Roma (2011); Cosa rimane di una mostra?, a cura di Lorenzo Bruni, Studio8, Pistoia (2010). Mostre collettive: “Cos’è il Contemporaneo?”, a cura della Fondazione March, Palazzo Moroni, Padova (2011); “My Favourite Things”, Galleria Contemporaneo, Mestre (2010); “Emerging Talents”, CCCStrozzina, Palazzo Strozzi, Firenze (2009); “Il Caos”, a cura di Raffaele Gavarro, Isola di San Servolo, Venezia (2009); “Il Rimedio Perfetto”, a cura di Marco Tagliafierro, Galleria Riccardo Crespi, Milano (2008); ”White Balance”, a cura di Lorenzo Bruni, Galleria Vianuova, Firenze (2008); “Usine de Reve”, a cura di Cecilia Casorati e Sabrina Vedovotto , 26cc, Roma (2008).

 

LE ALTRE SEDI
Leone Conti - Via Pozzo 1, Santa Lucia delle Spianate RA  -  Aperto su appuntamento: (+39) 0546.642149. Inaugurazione: sabato 30 giugno 2012 alle 16.00
Osteria della Sghisa -  Via Emiliani 4A, Faenza RA - Aperto tutti i giorni dalle 18.30 alle 01.00 – Chiuso la domenica. Inaugurazione: sabato 30 giugno 2012 alle 18.30