Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

CERAMICHE GIAPPONESI CONTEMPORANEE

la nuova creatività nata dai forni tradizionali

CERAMICHE GIAPPONESI CONTEMPORANEE
30 gennaio - 20 marzo 2011

La mostra a cura della Japan Foundation, che prevede l’esposizione di 71 opere, si prefigge l’obbiettivo di offrire uno sguardo d’insieme sul mondo della ceramica giapponese contemporanea e in particolare degli “utsuwa” (contenitori), realizzati nelle aree tipiche per la produzione della ceramica tradizionale, Arita, Karatsu, Hagi, Bizen, Kyoto, Kutani, Seto, Mino e Mashiko, che si distinguono tra l’altro per i caratteristici forni. Proprio in queste zone sono attivi giovani ceramisti contemporanei, i quali, se da una parte si fanno portavoce della tradizione utilizzando la tecnica di cottura della ceramica nei forni tradizionali, dall’altra cercano di dar nuova forma creativa e innovativa alle loro realizzazioni.

 

Da sempre, uno degli obiettivi che caratterizzano l’attività del MIC, è quello di essere un punto di riferimento per l’arte ceramica contemporanea proveniente da tutto il mondo, e di permettere ai suoi visitatori di conoscere l’evoluzione e le novità della ceramica contemporanea proveniente dai vari territori. In quest’ambito il Giappone – terra ricca di tradizioni ceramiche vivissime, basti pensare all’antica tecnica del Raku, nata alla fine del XVI secolo – rappresenta certamente un riferimento costante per chi segue l’evolversi dell’arte contemporanea, come si è visto anche in molteplici edizioni del "Premio Faenza", Concorso Internazionale della Ceramica d'Arte Contemporanea.

Pertanto questa esposizione, proprio perché pone l’attenzione su una contemporaneità artistica che si sposa con la tradizione dei forni e dell’arte giapponese, rappresenta un momento di interessante e proficuo confronto anche con l’evoluzione della terracotta contemporanea nei territori a noi più vicini.

L'iniziativa è resa possibilie grazie a:
loghi/jf_cons-giap-milano.jpg

loghi/logo_ap_a_epigrafe.jpg