Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

PEOPLE AND POTTERIES

Un patrimonio culturale in Europa

PEOPLE AND POTTERIES
10 marzo - 29 aprile 2007

“People and Potteries” è il proseguimento di un passato progetto europeo “Ceramica - Cultura - Innovazione” sancito dal Programma dell’Unione Europea Cultura 2000. Nasce dalla collaborazione tra sei istituzioni culturali europee ed è focalizzato alla promozione,alla cooperazione culturale e alla reciproca conoscenza.

I cinque Musei europei, tutti leader in campo ceramico e un istituto tecnologico che operano in collaborazione sono:

Deutsches Porzellanmuseum, Hohenberg, Germania
Musée National de Porcelain Adrien Dubouché, Limoges, Francia
The PotteriesMuseum and art Gallery, Stoke-on- Trent, Gran Bretagna
Museo Internazionale delle Ceramiche, Faenza, Italia
Museo della Porcellana di Herend, Ungheria
LaHothouse Centre for Design, Stoke-on-Trent, Gran Bretagna

Lo scopo del progetto è evidenziare le caratteristiche nazionali e regionali, condividere le proprie tradizioni, mostrare quale tipo di società si è formata attorno al mondo della produzione ceramica.
L’attenzione non è più sugli oggetti, ma sulle persone, i metodi, le macchine, l’arte e l’industria  come, quando e in quali circostanze gli oggetti ceramici vengono creati, quale simbiosi esiste fra storia, tradizione e mondo moderno.
Vengono quindi presi in considerazione gli artisti, i personaggi celebri creatori di nuove tecniche e strategie lavorative, gli esecutori materiali, i contesti sociali e storici e il progresso apertosi in questa area, volgendo sempre uno sguardo attento alle condizioni di vita e di lavoro.
Ognuna delle sei Istituzioni è responsabile di un sotto-progetto, sei modalità operative quindi, tutte basate su di un’unica tematica: le persone, le loro attività e il loro spazio:
La storia narrativa” responsabile è il Museo delle Ceramiche e Galleria d’Arte di Stoke-on-Trent - Il progetto è focalizzato alla registrazione dei processi lavorativi, degli ambienti, dei documenti storici e degli “stravolgimenti” riguardanti le condizioni di lavoro. È stato creato un archivio digitale al fine di preservare questo patrimonio e rappresentarlo virtualmente.
Database biografico” responsabile è il Museo Nazionale Adrien Dubouché, di Limoges - Le innovazioni provengono sempre da persone che si dedicano alla ceramica con entusiasmo, le loro biografie e il loro contributo individuale al progresso della ceramica in Europa è stato documentato in un data base consultabile nel sito che verrà realizzato per il progetto.
Viaggio nel passato” responsabile è la Hothouse Centro di Design, Stoke-on.Trent - una istituzione leader internazionale nella creazione di realtà virtuali. La produzione storica incontra la realtà virtuale, la terza dimensione crea l’esperienza sensoriale di uno spazio completo. Solo in questo modo è possibile “guardarsi alle spalle” in maniera reale e coinvolgente.
Database bibliografico” - Responsabile è il Museo Internazionale delle Ceramiche, Faenza -attraverso uno strumento informatico già consolidato nel precedente progetto si prosegue con l’arricchimento di testi in un data-base, consultabile dai partner, e parte del sito del progetto, contenente testi dedicati alle tematiche del programma “People and Potteries”.
Nuove metodologie museali”, responsabile è l’ Europaisches Indusriemuseum fur Porzellan, Selb- Plobberg - è un progetto didattico che, attraverso l’esplorazione delle tecniche passate, si propone di avviare un percorso di conoscenza tecnico-storica per studenti ed insegnanti.
Il Museo Herendi Porcelanmuveszeti Muzeum Acapivan, Herendè responsabile della mostra itinerante presente al Museo di Faenza dal 10 marzo al 29 aprile
Di natura didattica, composta da pannelli, strumenti multimediali, documenti storici e oggetti di produzione di ogni paese partecipante, l’esposizione mira a rappresentare in maniera unitaria i moduli individuali del progetto, è la rappresentazione dei risultati raggiunti dai partner. Di grande effetto sono le 10 postazioni multimediali, accessibili al pubblico, che rappresentano un modo diretto e coinvolgente per avvicinarsi alla storia della ceramica. 5 grandi schermi mostrano immagini e filmati storici e contemporanei, 5 computer trasmettono le interviste a personaggi storicamente coinvolti nel mondo della ceramica. Le interviste presenti in mostra rappresentano un primo passo per la creazione di archivio video dedicato ai volti, alle voci e ai racconti, teso a mantenere vive le tradizioni e preservarle per i posteri, operando in un modo innovativo e assolutamente contemporaneo.