Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

PRESENTAZIONE DELLA GUIDA ALLA SEZIONE ISLAMICA

La nuova proposta editoriale del MIC di Faenza sarà di supporto della visita alla Sala Islam

Sabato 06 dicembre 2014, ore 17:00

Viene presentata, sabato 6 dicembre alle ore 17 la nuova guida alla sala islamica del MIC, a cura di Gabriella Manna (Museo Nazionale d’Arte Orientale 'Giuseppe Tucci' – Roma), Umberto Bongianino (dottorando in Studi Orientali - Università di Oxford) e Agnese Fusaro (dottore di ricerca in Archeologia Islamica - Sapienza, Università di Roma) ed edita da Ediemme grazie al contributo di Regione Emilia-Romagna e Associazione Amici della Ceramica e del MIC.

La guida accompagnarà il visitatore alla scoperta di una delle collezioni ceramiche più importanti d’Europa, ora rinnovata grazie ad un allestimento più accattivante.

I vari capitoli della guida, in italiano e in inglese, seguono puntualmente il percorso espositivo: dopo l’inquadramento storico della civiltà islamica e l’approfondimento tecnico, il testo segue un criterio geografico, e – all’interno di questo –  un ordine cronologico, analizzando le diverse classi ceramiche nelle varie regioni dell’Islam dalla Spagna fino al Pakistan, dalle prime produzioni dell’Iraq abbàside fino a quelle dell’Iran moderno.

I capitoli sono intervallati da brevi box e da approfondimenti dedicati a specifici temi – dagli scarti di fornace, all’origine delle tazzine da caffè - appena accennati nel discorso generale; precisi i riferimenti sia agli oggetti esposti nella sala, sia all'intero percorso del MIC, di cui vengono citate, ad esempio, la produzione italiana decorata a lustro e le ceramiche “candiane”.

L’occasione della pubblicazione ha fornito anche lo spunto per rivedere l’allestimento della sala che, inaugurata nel 2008, è stata ora arricchita con l’aggiunta di alcuni oggetti e di supporti didattici, accompagnando i pezzi esposti con precise didascalie e con vivaci pannelli posizionati sulle pareti ai lati della sala; questi ultimi hanno anche lo scopo di indurre il visitatore ad aprire i cassetti sottostanti, per poter ammirare la ricchezza della collezione del MIC, e, al contempo apprezzare l'incredibile varietà delle produzioni e la complessità delle tecniche islamiche, che tanto hanno influenzato l’arte ceramica dell’Occidente.