Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

IL MIC RISPARMIA GRAZIE AL NUOVO IMPIANTO ILLUMINOTECNICO

La sezione dedicata all’Estremo Oriente sarà illuminata con un sistema all’avanguardia grazie a Fondazione di Faenza e Sistema Museale di Ravenna

Lunedì 22 ottobre 2012

Esattamente un anno fa, il 22 ottobre del 2011, è stata riportata alla pubblica fruizione una sezione importante della collezione del Museo Internazionale delle Ceramiche, che era rimasta a lungo inesposta: quella dedicata all’estremo Oriente (Cina, Giappone, Thailandia e Vietnam).

Oggi il Mic presenta il nuovo impianto illuminotecnico della sezione, reso possibile, insieme alla realizzazione della mostra permanente, grazie al prezioso contributo della Fondazione Banca del Monte e Cassa di Risparmio di Faenza e del Sistema Museale della Provincia di Ravenna.

L’impianto utilizza tecnologie avanzate di illuminazione a Led frutto delle ricerche del dipartimento Ilti Luce della Philips, che permette di risparmiare oltre il 50% dell’energia.

Il risultato è fondamentale sia per il bilancio delle casse del Mic che per la salvaguardia dell’ambiente, oltre che per la migliore fruizione delle opere.

La ricerca della Ilti Luce, nata nel campo dell’elettronica e dei microchips, ha consentito di elevarne la luminosità a livelli fino a qualche anno fa impensabili, mantenendo in gran parte integre le loro caratteristiche di lunga durata e di basso consumo. Le potenze sono in genere di pochi watt e permettono di creare soluzioni luminose nuove e particolari. Gli apparecchi sono caratterizzati da ridotte dimensioni ed elevate performance illuminotecniche. Il risparmio energetico è un aspetto fondamentale nella gestione economica di una struttura museale, come dimostra la sua applicazione avuta con notevole successo al Museo Egizio di Torino.