Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

QUESTO NON È UN PIATTO

Il vostro patrimonio. La vostra lingua. La vostra cultura

QUESTO NON È UN PIATTO
11 - 30 settembre 2010

La mostra evento “Questo non è un Piatto” è stata ideata dalla casa londinese di produzione artistica Moving Universe Production, diretta da Sacha gMullins.

"Questo non è un Piatto" è un progetto internazionale per l'educazione ai diritti umani, l'integrazione e la pace attraverso l'arte e la tutela dei patrimoni linguistici e culturali.

Attraverso l’esposizione di 35 piatti in ceramica, la mostra non si pone soltanto come espressione di un sapere materiale e di una tradizione artigianale che da secoli connota la cultura artistica nazionale, ma si fa soprattutto strumento per la salvaguardia del patrimonio culturale di tutte le comunità a rischio di cancellazione linguistico-culturale e per la valorizzazione delle diversità quale patrimonio dei popoli. A tale scopo ogni piatto riporta al centro la poesia "La mia Lingua è la mia Nazione", trascritta su ogni oggetto in una lingua diversa, tra le quali anche il tibetano, scelto come emblema di tutte le lingue che hanno difficoltà ad esprimersi e a sopravvivere. 35 piatti per 35 lingue con l’esplicito intento di nutrire, rammentare, curare, unire le persone di tutto il mondo.

 

La mostra è già stata presentata a Nove nel 2009 e si propone, dopo il passaggio a Faenza, di viaggiare per tutto il mondo. Oltre alla mostra evento, il progetto si esprime attraverso diversi strumenti: il libro “Questo non è un Piatto” (premiato all’IPPY Awards 2010 di New York, concorso a livello mondiale per editori indipendente), la ciotola “Ricordati di Me”, i Development Labs (Laboratori di riflessione/formazione per educatori), il progetto Remember me Cult, i Film on the road nei paesi toccati dalla mostra, Moving Satellite 18-25, il tour italiano di rientro. In occasione della mostra faentina il libro “Questo non è un Piatto” sarà disponibile in italiano, inglese, francese e tibatano, ma è prevista la sua traduzione in tutte le 35 lingue del progetto.

Il progetto, per il suo alto valore e finalità, ha già ottenuto 45 patrocini tra i quali si possono citare il patrocinio del Ministero dello Sviluppo Economico, delle Regioni Emilia-Romagna e Veneto, delle Province di Rimini e Vicenza, dei Comuni di Rimini, Faenza, Venezia e Nove, della Confartigianato di Marostica, dell’AiCC-Associazione Italiana Città della Ceramica, dell’AfCC-Association Française des Cités de la Céramique, dell’AeCC-Asociación Española de Ciudades de la Cerámica, dell’ICC-Istituto Italiano di Cultura di Londra. La richiesta di patrocinio è stata inoltrata anche presso la sede centrale dell’UNESCO a Parigi.

 

Video realizzato da Alessia Travaglini (filmaker Italiana emergente e collaboratrice di Moving Universe) e musiche di Riccardo Cardelli (musicista Italiano emergente e collaboratore di Moving Universe).