Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

CERAMICHE ITALIANE DATATE DAL RINASCIMENTO ALLO STORICISMO

Opere datate per il Corpus della maiolica italiana dalle collezioni del Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

CERAMICHE ITALIANE DATATE DAL RINASCIMENTO ALLO STORICISMO
25 giugno - 7 novembre 2004

Dal 25 giugno al 7 novembre 2004, il Museo Internazionale delle Ceramiche, ospiterà un singolare percorso espositivo ideato per celebrare Gaetano Ballardini, fondatore del Museo, in occasione del 50° anniversario dalla morte. Si tratta di una mostra- selezione di Maiolica datata dal XV secolo al XVIII secolo nelle collezioni del Museo.

Sono un centinaio di opere inedite, caratterizzate tutte dalla presenza di una data compresa tra il XV e la fine del XIX secolo. L’iniziativa nasce dal desiderio di far conoscere inedite opere datate dalle Raccolte del M.I.C., pietre miliari per la storia della maiolica italiana e per ricordare Gaetano Ballardini, autore del “Corpus della Maiolica Italiana”.

Del “Corpus” furono realizzati due volumi, il primo nel 1933, il secondo nel 1938, ai quali sarebbe dovuto seguire un terzo che negli intenti dell’autore doveva comprendere le maioliche dal 1525 al 1630. Ma il progetto era molto più ambizioso: le ulteriori tappe dell’ opus ballardiniano dovevano infatti comprendere i pezzi datati fino alla fine dell’ 800.

A settant’anni dall’uscita del primo volume, l’opera non smette di perdere efficacia ed esprime pienamente la sua funzione di indirizzo di studi, offrendo humus ancora fertile per l’aggregazione di altra materia inedita e porgendo ulteriori, insostituibili, punti fermi per la ricomposizione dell’attività dei maestri, delle botteghe e delle scuole dell’antica maiolica italiana.

La mostra si distingue quindi per un evidente intento scientifico: stimolare gli altri musei di ceramica in Italia, in Europa, a condividere il progetto di proseguire nella raccolta delle opere datate per arrivare, nel tempo, a realizzare una prodigiosa banca dati di tutta la maiolica italiana nel mondo.

La mostra è a cura di Carmen Ravanelli Guidotti, conservatore delle raccolte retrospettive del Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza.