Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

LE CERAMICHE DI GMUNDEN

LE CERAMICHE DI GMUNDEN
7 dicembre 2004 - 30 gennaio 2005

Il 7 dicembre, secondo una scelta stilistica che guida spesso il MIC, inaugurerà una doppia esposizione, che rimarrà aperta fino al 30 gennaio 2005, dedicata alla città austriaca di Gmunden che oltre ad avere una forte  tradizione ceramica  sta anche intensificando i rapporti con Faenza.

La mostra raccoglierà le opere di ceramica d’arte contemporanea selezionate per l’edizione 2004 del Keramik Symposium, una manifestazione che ha portato dodici giovani artisti a lavorare per cinque settimane in un atelier del Gmunder Keramik, la manifattura che ha oltre 100 anni di storia. Si tratta della prima tappa di una mostra itinerante che toccherà succesivamente Gmunden e Hohenberg (Germania).

La città di Gmunden con il suo museo civico è infatti capofila di un progetto europeo realizzato insieme al Museo delle Ceramiche in Faenza e al Deutsche Porzellanmuseum di Hohenberg in Germania di cui la mostra itinerante è parte integrante. Della Giuria del Keramik Symposium facevano parte la giornalista tedesca Gabi Dewald (redattrice della rivista specializzata Keramik Magazine), l’architetto Franco Bertoni, responsabile della sezione delle collezioni moderne e contemporanee del MIC, e il professor Wilhelm Siemen (direttore del museo della Porcellana di Hohenberg).

La seconda sezione della mostra, denominata “Ceramiche da Gmunden” costituisce un tributo alla città d’oltralpe e vuole dare un quadro completo della sua attività attraverso la selezione delle opere provenienti dal museo austriaco. La mostra, curata da Franco Bertoni, documenta l’inizio dell’attività ceramica a Gmunden nel ‘700 – ‘800 e soprattutto i lavori che i maggiori artisti viennesi della Wienerskatte (come Michael Powolny, Dagobert Peche, Franz Von Zulow) realizzarono a Gmunden. Saranno presenti anche opere degli anni ’50 e ‘60 di artisti come Kurt Ohnsorg, che promosse e curò i simposi di Gmunden, fino al contemporaneo Franz Josef Altenburg.