Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

HELSINKI FAT CLAY

Omaggio alla ceramica finlandese

HELSINKI FAT CLAY
31 agosto - 26 settembre 2012

Si rinnova il tradizionale appuntamento biennale con Argillà Italia, la versione italiana del noto “festival della ceramica” originatosi ad Aubagne, nei pressi di Marsiglia, che alla sua terza edizione si è già guadagnato un posto di rilievo nel panorama delle mostre mercato d’artigianato artistico.

Il Museo internazionale delle ceramiche di Faenza dal 30 agosto al 30 settembre ospita per l'occasione una mostra dedicata al gruppo di ceramisti finlandesi "Helsinki Fat Clay" con l'intenzione di fornire uno sguardo sulla contemporaneità della ceramica finlandese, della loro sempre fervida ricerca e della loro accesa sperimentazione.

Il gruppo a vocazione internazionale è composto di dieci artisti ceramisti che vivono e lavorano nel sud della Finlandia: Erna Aaltonen, Åsa Hellman, Eliisa Isoniemi, Kirsi Kivivirta, Pekka Paikkari, Heikki Rahikainen, Johanna Rytkölä, Kim Simonsson, Caroline Slotte e Kati Tuominen-Niittylä.

"Oggi Helsinki Fat Clay - scrive Claudia Casali direttrice del Mic - mette in campo diverse cifre stilistiche che richiamano una grande tradizione e un ricco percorso artistico, fatto di differenti poetiche ben amalgamate a fornire allo spettatore l’idea di un progetto condiviso, seppur nel rispetto di ogni singola personalità artistica. Lo spaccato che emerge mostra motivi e percorsi personalissimi, che spaziano dal grès alla porcellana, dal design all’informale materico, dall’elegante minimalismo concettuale alla fotoceramica, dalle perfette linee formali al pop di derivazione manga-cartoon".
La collezione in mostra al MIC Faenza si trasferirà successivamente a Milano, presso la Galleria "Officine Saffi", dove sarà esposta nel mese di ottobre 2012.

ARGILLÀ Italia : mostra-mercato nei giorni 31 agosto e 1 - 2 settembre 2012 avrà luogo lungo le strade del Centro Storico di Faenza, con circa 200 espositori provenienti dalle città della ceramica italiane, francesi, tedesche, spagnole, olandesi, austriache, croate, slovene e di altre nazioni europee