Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

MAURO ANDREA: "IO ODIO LA CERAMICA"

MAURO ANDREA: "IO ODIO LA CERAMICA"
13 marzo - 30 aprile 2011

Mauro Andrea, nato a Faenza nel 1954, è prematuramente scomparso nel 2010.
Con la prima mostra postuma, a cura di Franco Bertoni, il Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza non intende solo omaggiare un artista che si è espresso anche con la ceramica ma offrire al pubblico una, se pur selezionata, visione dei suoi estesi campi di interesse e dei tanti mezzi utilizzati a fini artistici.
Aperto uno studio nel 1975 - dove si dedica ai primi lavori a china caratterizzati da una sorprendente meticolosità, a una ricerca pittorica in bilico tra pittura e segno e ai ”graffiti” (opere su supporto materico) - Mauro Andrea inaugura, nel 1979, il capitolo dell' “Arte Impura”, sua definizione di un'arte aperta a contaminazioni concettuali e trasgressiva nei confronti delle più correnti e usuali definizioni.
Nel 1980 è invitato da Franco Solmi a partecipare alla sua prima importante mostra, “Il lavoro felice”, e nel 1982 espone al Salon d'Automne a Parigi.
Del 1981 sono i suoi “idoli” in terracotta e oro e, nel 1983, al 41° Concorso Internazionale della Ceramica d'Arte di Faenza copre in segno di dissenso la sua opera poiché la giuria ha ammesso solo una parte della composizione inviata. Questo episodio chiude le sue partecipazioni al Concorso di Faenza ma non i suoi interessi ceramici che, notati da Enrico Crispolti a da altri critici, lo porteranno ad accettare una collaborazione con la Cooperativa Ceramica di Imola dove dal 1992 al 2000 riveste il ruolo di direttore del Reparto Artistico. Sotto la sua direzione lo storico reparto della cooperativa prende nuovo slancio con riedizioni di opere di Gio Ponti e con collaborazioni con importanti artisti quali Joe Tilson, Emilio Tadini, Igor Mitoraj, Alessandro Mendini, Allen Jones, Franco Summa e tanti altri.
Dal 1988 inizia a utilizzare, tra i primi, il computer Michelangelo per opere che vanno dal grande quadro al grattacielo. Del 1992 è la sua anticipatrice realizzazione di una grande piastrella in ceramica dipinta con il computer, mentre solo del 2000 verrà messo in commercio il computer per ceramica Raffaello. Per l'azienda imolese, oltre a realizzare opere personali, progetta lavori per un grattacielo a Manhattan, una grande coppa per il Gran Premio di Formula Uno di San Marino, e, nel 1999, vince il primo premio al concorso “The spirit of the millennium plate” promosso dalla National Italian American Foundation. Il suo piatto “Stella del Millennio” verrà donato al Presidente Bill Clinton. I premi e le segnalazioni aumentano e la critica, non solo nazionale, si interessa sempre più al suo lavoro.
Nel 2000 lascia la Cooperativa di Imola a causa di incomprensioni interne. Non si dedicherà più alla ceramica lasciando scritto: “Dopo quasi vent'anni abbandonai una disciplina da me amata. Ho subìto e incassato duri colpi dall'inizio alla fine, dopo aver cercato di portarla ai livelli dell'Arte Pura. Con ironia penso di poter dire: Cambiare la ceramica non è stato difficile, è stato inutile! Ecco perché con ironia dico: io odio la ceramica”.
Dal 2000 al 2010, l'artista di dedica a opere pittoriche realizzate con la tecnologia del computer, al marmo, al bronzo e a opere su carta fatta a mano. Nel 2001 colloca una sua scultura in piazza Mirri a Imola. Escono numerose pubblicazioni sul suo lavoro e si infittiscono gli inviti a personali o collettive che ammontano rispettivamente a 150 e a 500. Nel 2008 fonda Contatto Arte.

Tra le personalità che si sono interessate al suo lavoro: Luciano Caramel, Enrico Crispolti, Giorgio Di Genova, Vittorio Fagone, Mario Luzi, Giancarlo Politi, Pierre Restany, Vittorio Sgarbi, Franco Solmi e Federico Zeri.     

In mostra una ampia rappresentanza di opere ceramiche dal 1981 al 2000 e una selezione di opere grafiche, pittoriche ed extrapittoriche.  

La mostra e il catalogo sono realizzati grazie al sostegno da:

loghi/coabi.jpg

Altre iniziative legate alla figura di Mauro Andrea:

Nel Settore Territorio del Comune di Faenza (in via Zanelli n. 4), in un ambiente voltato al piano terra, sabato 12 marzo, alle ore 11.00, verrà collocata l'opera "Il mio tempo vola" di Mauro Andrea. Costituita da tre grandi pannelli dipinti che scendono dal soffitto e che rappresentano l’idea dell’artista riguardo al passato, al presente e al futuro, l’opera è stata donata al Comune anche grazie al contributo della società “Stele srl Faenza-costruire per passione”. Questa importante installazione va ad arricchire la collezione di opere d’arte presente negli ambienti del Settore Territorio che costituiscono un vero e proprio museo in formazione di arte contemporanea.

In occasione di Vernice Art Fair 2011, che si terrà a Forlì dal 25 al 27 marzo, sarà possibile visitare la mostra di pittura dedicata a Mauro Andrea e intitolata Intimantologia, opere dal 1975 al 2010.