Approfondimenti

Si tratta di una delle raccolte più ricche ed interessanti in Italia che raccoglie sessantuno culture archeologiche precolombiane precedenti la colonizzazione europea.

Le 200 opere esposte provengono da diverse aree culturali del continente americano: Mesoamerica (America centrale e latina, comprendente la metà meridionale del Messico, i territori di Guatemala, El Salvador e Belize, la parte occidentale dell’Honduras, Nicaragua e Costa Rica) e Sud America (zone delle Ande, Pampa, foresta amazzonica e Caraibi). Accanto alle ceramiche sono presentati anche tessuti, metalli, manufatti in pietra, legno e conchiglie.

Le ceramiche, spesso dal carattere rituale, sono estremamente significative nel quadro culturale delle Americhe: raccontano la storia di civiltà soffocate dalla “conquista” europea, i loro tratti distintivi, la vita, la cultura, l’arte attraverso forme semplici e realistiche.

Gli esemplari più antichi, messicani e guatemaltechi, hanno datazioni tra il XIII secolo a.C. e il IV secolo d.C., seguono suggestive sculture figurative Maya, dal IV al X secolo, e le ceramiche Azteche dal X al XVI secolo.

Le ceramiche di area peruviana, testimonianze delle culture Nazca e Inca dal VI secolo a.C. al XVI secolo d.C., sono caratterizzate da decorazioni vivaci, sebbene colorate con ingobbi (argille colorate con pigmenti naturali) e da forme interessanti come i vasi ritratto o le “bottiglie fischianti”.

Sessantanove antichi esemplari di preziosi tessuti peruviani documentano la grande tradizione decorativa tessile che trova molti riscontri nella ceramica.

Opere in evidenza

  • Scena di parto

    Scena di parto

    scopri
  • 20483t

    Piccola bottiglia con due beccucci e manico a ponte

    scopri
  • D184a

    Macina tripode

    scopri

Gallery