Anfora

Urbania, 1678 ca., maiolica

Approfondisci
scheda di catalogo

L’imponente anfora dagli elaborati manici serpentiformi fu magistralmente decorata da Ippolito Rombaldoni, autore di pregevoli istoriati. Il vaso raffigura l’allegoria dell’Innocenza da un lato e l’allegoria della Discrezione nell’altro, come riporta l’indicazione posta nel piede con la scritta circolare “INOCENZA /DISCREZIONE”. L’Innocenza è evocata da una figura femminile intenta ad accarezzare un leone, mentre la Discrezione è raffigurata da una giovane donna che porge fiori a delle compagne. L’opera appartiene a una serie di grandi anfore provenienti da Palazzo Barberini a Roma e venne realizzata a Urbania, la città marchigiana di antica tradizione ceramica che fino al 1636 si chiamò Casteldurante, cambiando poi il nome per volontà di papa Urbano VIII Barberini.

Condividi, scegli tu dove