Leoncillo Leonardi, La dattilografa

1949

Approfondisci
scheda di catalogo

Leoncillo fu il vero grande protagonista e innovatore della scultura ceramica italiana del secondo dopoguerra. Attivo nella nuova Secessione Artistica Italiana e con il Fronte Nuovo delle Arti, dopo i primi esordi drammatici e “barocchi” della fine degli anni Trenta, legati alla Scuola Romana, passa a una plastica neocubista. L’opera che raffigura una dattilografa dimostra il suo interesse per i temi sociali e precede immediatamente le manifestazioni informali della sua arte degli anni avvenire.

Condividi, scegli tu dove