Lucio Fontana, Sfere

1957, terracotta

Approfondisci
scheda di catalogo

A partire dal 1929 Fontana affrontò la scultura ceramica in un percorso che vide importanti evoluzioni. Comincia ad Albisola nel 1935 presso la Manifattura Mazzotti, dove realizza perlopiù nature morte e figure di natura espressionistica, quasi un preludio alla successiva ricerca informale. Incantato dal rapporto dialettico tra materia, segno, spazio e colore, dal 1948 l’artista si concentrò sulla problematica spaziale. Le prime “ceramiche spaziali” sono datate 1949, stessa data dei primi “buchi” su carta, poi ripresi negli anni Cinquanta sulla ceramica.

Condividi, scegli tu dove