accessibilità
HomeIncontriTest before invest: “FollowMIC”, una nuova app di guida al MIC

Test before invest: “FollowMIC”, una nuova app di guida al MIC

Caricamento Eventi

Venerdì 10 giugno, alle 10.30, il MIC – Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza – è pronto per la presentazione della sua nuova Web App “FollowMIC” on e off site: una nuova applicazione realizzata grazie a un progetto di Regione Emilia-Romagna e Lepida.

In linea con l’impegno dell’ultimo anno del MIC di Faenza, rivolto ad implementare l’accessibilità del museo, la nuova App è stata ideata per arricchire l’esperienza del visitatore grazie alle nuove tecnologie digitali. Quattro nuovi percorsi che grazie agli strumenti di realtà aumentata, foto 3d, testi, immagini, video e suoni, arricchiscono la visita del museo con storie e particolari delle ceramiche altrimenti difficili da cogliere e con contenuti multimediali supplementari quali le fasi dei restauri o effetti sonori.

La realizzazione dell’App è un progetto sperimentale promosso da Regione Emilia-Romagna (Coordinamento Agenda Digitale e Settore Patrimonio) e Lepida, nato per implementare le nuove tecnologie digitali nei musei. Il MIC di Faenza è stato selezionato per la sperimentazione insieme ad altri due musei del territorio: i Musei Civici di Palazzo Farnese a Piacenza e il Museo del Cielo e della Terra di San Giovanni in Persiceto. Determinante anche la fase finale del test, perché una volta superato un periodo di tre mesi di valutazione e di soddisfazione degli utilizzatori, l’App del MIC di Faenza potrà essere adottata anche da altre istituzioni.

Il 10 giugno presenteremo in concomitanza altri due progetti. In collaborazione con Fiadda (Associazione per i diritti delle persone sorde e famiglie) e con il contributo della Regione Emilia-Romagna, il MIC ha realizzato alcuni percorsi video didattici alle opere più importanti del museo creati per persone sorde, mentre, in collaborazione con l’Istituto Cavazza e il sostegno della Fondazione Cassa dei Risparmi di ravenna, ha introdotto nel proprio apparato didattico un percorso di visita in braille per ipovedenti e ha realizzato un progetto pilota per la fruizione tattile delle opere della sala del design.

Incontro aperto a tutti.

Condividi, scegli tu dove